Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • NUMERO 16: CAOSNUMERO 16: CAOS

    Richiedi la rivista nella tua libreria di fiducia.
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
    • Disponibile
    • € 5,00
    • Compra
  • NUMERO 20: RIVOLUZIONINUMERO 20: RIVOLUZIONI

    La scrittura è un modo per liberarsi dai disordini che si creano nella propria mente. Qual è il modo migliore per farli uscire se non sollecitarlo a creare dentro di sè una rivoluzione?
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
  • NUMERO 22: TIMES NEW ROMAN NUMERO 22: TIMES NEW ROMAN

    Times New Roman, font che comparve per la prima volta sul quotidiano britannico “The Times” il 3 ottobre 1932: un vero caposaldo della stampa
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
  • NUMERO 23: FUGHENUMERO 23: FUGHE

    Fuggire da ciò che non ci appartiene, da una realtà che si considera ormai irrimediabilmente corrotta e corruttrice. Fuggire verso se stessi.
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra

NUMERO 31: NOIR

  • 978-88-7847-400-0
  • 2011
  • 60
  • La luna di traverso
  • Disponibile
  • € 5,00
  • Compra

Ormai siete in trappola: se siete arrivati fin qui dovrete immergervi con noi nella nostra infernale avventura lungo le rive del Noir. Finiamo il 2011 e apriamo il 2012 con una nostra personale “rilettura” di questo genere o, forse, dovremmo definirlo più precisamente una vocazione, uno sguardo, una sensazione. Il Noir cammina con l’impermeabile fianco a fianco con il Giallo per un po’ finché intorno agli anni Quaranta un critico francese, guardando Il Falcone Maltese, tratto dall’omonimo romanzo di Dashiell Hammett, lancia l’idea che il nero possa essere il colore giusto per definire un film come quello. Dal cinema ai libri il passo è breve e ci arriva, detonante, un mondo narrativo pieno di caos, linguaggi e regole contraddittorie; l’occhio di Caino puntato su di noi. Ma l’ordine non torna, mai: la sconfitta diventa la metafora dell’esistenza e del continuo tentativo degli esseri umani di controllare una realtà malsana sfuggente e asfittica. Gli ingredienti? Crimini, droga, sesso, violenza, denaro, misteri, degrado, scenari post-industriali ma anche ritratti critici e drammatici della società contemporanea. E da qui siamo partiti per scandagliare le proposte dei nostri autori e capire quanti e quali  “occhi criminali” potevamo trovare nel panorama odierno della narrativa esordiente ma anche fra fotografi, illustratori e, ormai appuntamento fisso, fumettisti. E vi assicuro che ci possiamo sentire osservati. Se non vi basta come buon motivo per leggere la rivista, eccone un altro: 16 pagine in più sono sufficienti? Si, avete capito bene: la Luna sta cambiando. Abbiamo introdotto un po’ di idee nuove dedicate a scrittori e lettori: interviste –  in questo numero il fotografo Alessandro Sambini e lo sceneggiatore di fumetti e scrittore Tito Faraci – , recensioni pescate fra le nostre letture e i nostri ascolti o visioni, aggiornamenti, consigli di scrittura e suggerimenti, approfondimenti sul mondo e sui meccanismi dell’editoria (trucchi, tendenze, pregi e difetti). E se aveste qualcosa da dire? Potete farlo nel Fight Club: una pagina creata appositamente per “botte & risposte”, per le sfide, le provocazioni, le discussioni. No, non è finita qui. In questo numero abbiamo anche grandi ospiti: lo scatto d’autore in copertina di Chiara Samugheo, una delle più importanti fotografe italiane nonché memoria storica di quella meravigliosa stagione della Dolce Vita che tutti conosciamo; il Racconto d’autore di Raul Montanari e non stiamo parlando semplicemente di un racconto ma del suo “primo” racconto il che lo rende immediatamente speciale e, infine, le illustrazioni d’autore che ha preparato per noi Jon Carling, un giovane illustratore californiano “imperfettamente preciso e fuori dal mondo”. Ecco perché vi conviene seguirci.  Attenti, vi teniamo d’occhio.

Federica Pasqualetti

Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 8 febbraio 2012
modificato:mercoledì 8 febbraio 2012