Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • NUMERO 26: SILENZIONUMERO 26: SILENZIO

    Il silenzio, se ben calibrato, è qualcosa che riesce a comunicare in modo più efficace di quanto possano fare mille parole
    • Disponibile
    • € 5,00
    • Compra
  • NUMERO 23: FUGHENUMERO 23: FUGHE

    Fuggire da ciò che non ci appartiene, da una realtà che si considera ormai irrimediabilmente corrotta e corruttrice. Fuggire verso se stessi.
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
  • NUMERO 16: CAOSNUMERO 16: CAOS

    Richiedi la rivista nella tua libreria di fiducia.
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra
  • NUMERO 14: ACQUANUMERO 14: ACQUA

    Richiedi la rivista nella tua libreria di fiducia.
    • Disponibile
    • € 4,00
    • Compra

NUMERO 9: CONFINI

LALUNADITRAVERSO. Laboratorio di narrazioni

  • 0
  • 0
  • La luna di traverso
  • Esaurito
  • € 4,00
Il confine, inteso come limite a cui tendere o come barriera da oltrepassare, è da sempre un elemento che portiamo dentro di noi.

“Dedicato a tutti quelli che stanno scappando” scriveva Gabriele Salvatores nei titoli di coda del suo "Mediterraneo"; e mai come oggi il senso di costrizione entro confini angusti e la spinta ad oltrepassarli rappresentano una situazione esistenziale condivisa. Perchè il confine come aspirazione e la fuga come superamento delle barriere e delle costrizioni simboleggiano tuttora l’esigenza di libertà che ciascuno di noi porta dentro sè.

Allora, confine e libertà sembrano fondersi in un binomio fatto di pulsioni diverse, attraverso le quali ci è dato ritrovare noi stessi. La vera fine dell’uomo è nel momento in cui si cessa di cercare questi valori, quando si rinuncia al superamento dei limiti dello spirito più ancora che del corpo.

Ed ecco dunque una raccolta di scritti, fotografie e ilustrazioni che ci accompagna verso il territorio nel quale si esprime il nostro rapporto con l’ideale, con il sogno, con la nostra tensione più intima.

Lo scambio di esperienze e di situazioni che questo numero de "LaLunaDiTraverso" propone, presenta, proprio sul tema del confine, una suggestione nuova, aperto com’è al dialogo e al confronto fra quotidianità diverse, scandite dai caratteri della costrizione piuttosto che della socialità.

E questo confronto avviene senza remore e timori, con la coscienza che il parlare di condizioni di vita affatto differenti significa parlare della vita a tutto tondo, nei suoi caratteri più gioiosi così come nelle sue sfaccettature più difficili.

Una rivista letteraria che si proponga di affrontare questi temi tende essa stessa a superare i confini tradizionali che le si è soliti assegnare; e in questo percorso di crescita e di dialogo reale con la società questo numero de "LaLunaDiTraverso" dà il senso pieno del significato che la cultura può e deve esprimere.

A partire dall’esperienza di confronto che su queste pagine si svolge, trovano ragioni di crescita umana e professionale sia gli autori, sia i redattori della rivista; ma forse, in maniera ancora più accentuata, i suoi lettori...

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 4 giugno 2009
modificato:martedì 6 luglio 2010