Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • LA SCUOLA DI LORIALA SCUOLA DI LORIA

    Un’antologia capace di fotografare la narrativa contemporanea italiana nella sua ricchezza di temi e di stili
    • Disponibile
    • € 13,00
    • Compra
  • COMPANIA ZAPPATORICOMPANIA ZAPPATORI

    Una riflessione ultima e sofferta di un uomo che si pone domande sul destino, sulla morte e sulla solitudine
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra
  • L'INCUBO DELLA FOLLIAL'INCUBO DELLA FOLLIA

    La follia si colora di nero
  • ALL'OMBRA DI SAINTE-BEUVEALL'OMBRA DI SAINTE-BEUVE

    Uno zibaldone letterario, tra cronaca e letteratura
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra
  • LAMBRASLAMBRAS

    Un romanzo che racconta il dolore e la sofferenza di vivere in un ambiente mefitico e ostile
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra

UNA STORIA BREVE

Ricordi di una ragazza partigiana

  • 978-88-7847-023-1
  • Rosetta Solari
  • 2006
  • 184
  • Varia
  • Esaurito
  • € 12,00
Rosetta Solari ha tenuto nel vivo della sua memoria il ricordo della sua stagione partigiana. Dopo molti anni si è decisa a scrivere e ne sono sortite pagine serene di storia vissuta, raccontata con uno stile piano e vivo, talvolta sofferto, fatto di ricordi, di cose concrete che aiuta a capire l’atmosfera di quei tempi e che cosa ha rappresentato nella Resistenza italiana una donna combattente che, pur nell’asperità della lotta, in lei è sempre prevalsa la sensibilità dell’animo femminile che emerge sempre e in modo particolare quando Ailù, l’eroe in senso non solo letterario di questi racconti, benevolmente la rimprovera di andare dai contadini a scambiare la sua razione di sigarette con calze di lana da dare ai prigionieri tedeschi e aggiunge: «lo so che ci patisci perché hanno fame». Ma non manca di ricordagli: «… in testa hanno una cosa sola i tedeschi, farti la pelle».
  

La sua narrazione non è fondata sull’intreccio di ricordi giovanili ma su episodi di vita vissuta che scorrono col ritmo e il susseguirsi incalzante di vicende, di profonde considerazioni, dove la fantasia non ha avuto alcuna parte. Il racconto è scritto con un linguaggio fresco che non lascia spazio né a gravami ideologici né a compiacimenti autocelebrativi.

La durezza della guerriglia, i sacrifici, i lutti, il carcere emergono in un vivido affresco: l’affresco della Resistenza nelle sue multiformi espressioni. Nel racconto, con l’avvicendarsi dei personaggi, con gli stati d’animo che emergono, appare, anche se sottaciuto, il significato che ha per lei la lotta partigiana e, nonostante i disagi, le privazioni, la ferocia del nemico, la crudeltà della lotta, le crisi, nonostante tutto, ella scrive: Eppure eravamo felici… Una maniera nostra di essere felici. Mai soli, sempre fra gli altri, sempre consci della presenza l’uno dell’altro senza guardarci, senza voltarci nella marcia o nell’attesa di partire in azione prima di giorno, o sul calar della sera nell’eterno gri-gri del grillo.

La seconda edizione del presente volume è stata possibile grazie all’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani e all’Associazione Liberi Partigiani Italiani. Il volume è stato inoltre realizzato grazie al contributo di Comune di Parma – Provincia di Parma - Comitato per le Celebrazioni del 25 Aprile.

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 4 giugno 2009
modificato:martedì 15 aprile 2014