Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • UN PAESE DI RACCONTIUN PAESE DI RACCONTI

    Arcirokka. Iniziativa Promossa da Comune di Roccabianca e Provincia di Parma
  • L'IMPERATOREL'IMPERATORE

    Un romanzo ambientato nell'Africa coloniale d'inizio '900
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra
  • E' GRADITO L'ABITO SCUROE' GRADITO L'ABITO SCURO

    Un ritratto ironico e divertito dell'italiano medio
    • Esaurito
    • € 4,90
  • CASA D'ALTRICASA D'ALTRI

    Un grande racconto della letteratura italiana che Eugenio Montale dichiarò “perfetto”
    • Disponibile
    • €13,00
    • € 12,35 (-5%)
    • Compra
  • ALLA VENTURA COL CAPITANO BOTTEGOALLA VENTURA COL CAPITANO BOTTEGO

    Il racconto appassionato delle imprese di un esploratore deciso a tutto
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra

LA POLVERE SULL'ERBA

Una prova letteraria dalla potenza evocativa straordinaria, che incantò Mario Colombi Guidotti e Leonardo Sciascia

  • 978-88-8871-043-3
  • Bevilacqua Alberto
  • 2003
  • 168
  • Biblioteca Parmigiana del Novecento
  • Disponibile
  • € 4,90
  • Compra
La polvere sull’erba, scritto nel 1955 da un Bevilacqua appena ventenne, è un romanzo che libera la prorompente forza iconica e narrativa di un giovane scrittore all’esordio. La cornice dell’opera è quel secondo dopoguerra in cui l’Italia cerca frettolosamente di riabilitarsi da un passato pesante e scomodo, facendo però leva su personaggi corrotti e dalla dubbia moralità. Il protagonista Giorgio Donati cerca, come un naufrago restituito alla civiltà, di trovare una nuova identità fra uomini che vogliono occultare col doppiopetto della rispettabilità il fango e il sangue di cui sono ancora imbrattati. Per un mondo che muore, coi suoi Strioni e Strolghe, un altro ne nasce: il mondo delle Imprese, dei Cavalieri del lavoro, dei Capintesta della Regione. Ma non tutti sanno adattarsi al cambiamento: come Giorgio, si aggirano fra le righe di questo romanzo personaggi prigionieri del loro passato, navigatori solitari e dimenticati. Marco Ridolfi il Colonnello Umano, Spiros il fascista, Merlìn ladro bugiardo, e su tutti i Disertori: mine vaganti che insanguinano il Triangolo Rosso, territorio fra Parma, Modena e Mantova, teatro di faide e regolamenti di conti “politici”. Una prova letteraria dalla potenza evocativa straordinaria, che incantò Mario Colombi Guidotti e Leonardo Sciascia, e pubblicata solo nel Duemila per i suoi scottanti contenuti, che bruciano ancora oggi.
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 25 novembre 2009
modificato:mercoledì 27 gennaio 2010