Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • LA QUARANTASETTESIMALA QUARANTASETTESIMA

    Un romanzo corale, epico e lirico sulla resistenza nell'Appennino parmense
  • ZANADINEZANADINE

    Amori contadini
    • Disponibile
    • €10,00
    • € 9,50 (-5%)
    • Compra
  • RACCONTAMI...RACCONTAMI...

    Sette novelle buone
    • Disponibile
    • € 8,00
    • Compra
  • VENT'ANNI DI BEFFEVENT'ANNI DI BEFFE

    Le "barzellette" sul Fascismo durante il Fascismo
    • Disponibile
    • €19,00
    • € 18,05 (-5%)
    • Compra
  • RACCONTIRACCONTI

    La scoperta di nuovi racconti inediti
    • Esaurito
    • € 4,90

PARLIAMO TANTO DI ME

  • 88-88710-15-9
  • Zavattini Cesare
  • 2003
  • 78
  • Biblioteca Parmigiana del Novecento
  • Disponibile
  • € 4,90
  • Compra

Un racconto di facile lettura, apparentemente leggero come una piuma, con una trama appena suggerita. Diresti che qui il piacere di narrare storie e di inventarne ancora e ancora sia fine a se stesso, ma ogni immagine, ogni passaggio e tutti i dialoghi, sotto la cifra di un umorismo quasi infantile, fanno pensare alla morte con una malinconia mai disperata, commossa sì, ma insieme ottimista. Ci si muove in una atmosfera a metà tra reale e irreale, dove tutto è possibile, persino esorcizzare la morte attraverso la magia, il sogno, o i passi senza peso di un bambino che corre lungo i vialetti puliti di un camposanto. La forma breve del narrare, spesso in prima persona, calza a pennello, assecondando il gusto zavattiniano per le gag, le trovate comico-surreali. È già uno stile che avrà storia, e forse alla lontana può far venire in mente un nome, Chaplin/Charlot.

Cesare Zavattini nasce da qui, da questo suo primo libro che già tutto lo contiene, inconfondibilmente. Non ancora trentenne, ma già abile giornalista, brillante ideatore di rubriche, conteso dagli editori. Aveva cominciato a scrivere anche raccontini e sapeva con chiarezza che tipo di scrittore (e poi pittore, artista, uomo di cinema) sarebbe diventato. Fame di realtà e capacità di guardare, divorare immagini e trasformarle, tradurle in spunti, sulla carta, più tardi su una tela oppure attraverso l’occhio di una cinepresa. 

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 7 marzo 2013
modificato:giovedì 7 marzo 2013