Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

  • SETTE MILIARDI DI ONDESETTE MILIARDI DI ONDE

    Il romanzo vincitore del Premio Malerba di Narrativa 2015
    • Disponibile
    • € 15,00
    • Compra
  • PIOMBO E ARGENTOPIOMBO E ARGENTO

    Uno stile calibrato per rappresentare la poesia dell'esistenza
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra
  • LA BELLA PRIMAVERALA BELLA PRIMAVERA

    La guerra che lacera e terrorizza rivissuta attraverso lo sguardo di un piccolo “bandito”
    • Disponibile
    • € 5,90
    • Compra
  • LAMBRASLAMBRAS

    Un romanzo che racconta il dolore e la sofferenza di vivere in un ambiente mefitico e ostile
    • Disponibile
    • € 4,90
    • Compra
  • CASA D'ALTRICASA D'ALTRI

    Un grande racconto della letteratura italiana che Eugenio Montale dichiarò “perfetto”
    • Disponibile
    • € 13,00
    • Compra

L'ANATRA ALL'ARANCIA

Le piazze della Bassa diventano teatro e palcoscenico del melodramma lirico che si racconta con aneddoti e vicende

  • 978-88-8871-016-7
  • Marchesi Gustavo
  • 2003
  • 226
  • Biblioteca Parmigiana del Novecento
  • Disponibile
  • € 4,90
  • Compra
Le piazze di paesi della Bassa che diventano teatro e palcoscenico del melodramma lirico che si racconta con aneddoti e vicende che hanno il sapore da giorno del mercato: questi sono i mondi narrativi di Gustavo Marchesi. La vita diventa teatro e viceversa. Con questo libro inedito, che raccoglie per la prima volta in volume i racconti brevi e lunghi, Gustavo Marchesi fa propria la lezione di Zavattini e dei grandi maestri padani, portandola nel proprio mondo, fatto di musicisti un pò folli, e di personaggi straordinari come Gerardo Iotti che dirige l'opera in casa, davanti allo specchio mentre ascolta i dichi a tutto volume. C'è Turo il contadino che taglia la testa con la falce al postino Marione, e c'è Ottavio che obbedisce ed è succube della "Voce" che gli parla e solo lui sente; e poi Dante che in piazza scende in gara con il diciottenne Benito Mussolini, allora maestro elementare a Piave Saliceto. Gidio sta con Elda, lei lo gha scelto per i soldi e lui, tornato dasll'ospedale, le grida da quarant'anni che "ha la testa di una vacca". E poi Duilio che guida gli aerei e sogna amori volanti. Storia e leggenda, aneddoto e veritàsi mescolano continuamente in racconti che hanno il sapore forte e deciso di certi salumi asciugati nelle nebbie, nelle zone a ridosso degli argini del Po. Marchesi sa stupire il lettore cogliendo il meraviglioso dal destino delle storie di personaggi comuni. Amore, morte, follia: la vita diventa canto imprevedibile. Questi gli ingredienti di un narratore sottile, abilissimo, che te la racconta ridendo sotto i baffi. Solo allora si sentirà l'umorismo, il sarcasmo che si racconta sotto la violenza del riso sanguigno della Bassa. Un mondo, quello di Marchesi, che ha le movenze del melodramma, sempre sull'orlo di un baratro di ridicolo questa volta salvato dal genio del musicista travestito da narratore.
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 25 novembre 2009
modificato:giovedì 4 febbraio 2010