Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

ANDAVAMO A 100 ALL'ORA

Auto e motori a Parma dal 1913

  • 978-88-7847-387-4
  • Massimo Chierici
  • 2011
  • 128
  • Varia
  • Disponibile
  • € 25,00
  • Compra

“Nelle sale dell’Hotel Macina in Parma, alle ore 21, si sono riuniti gli aderenti alla nuova società”: è il 12 novembre del 1921 e al civico 18 di Borgo Giacomo Tommasini nasce l’Auto Moto Club Parma. E’ un momento importante per la storia dell’automobile e della moto a Parma, un passaggio che da questo momento in poi accompagnerà piloti, soci, curiosi in una crescita costante e continua, nella formazione di una comunità di appassionati tutt’oggi in aumento.

Il libro narra la storia del Club Automobilistico parmigiano e non solo: il libro racconta anche la nascita e l’evoluzione della rivista Ruote a Raggi, dell’Autodromo Paletti, della nascita di Dallara Automobili, Autozatti e Fratelli Lombatti e le rievocazioni delle storiche corse automobilistiche che per anni hanno visto sfrecciare sull’asfalto delle strade provinciali macchine di tutti gli anni, case automobilistiche e cilindrate.

Grazie agli archivi e alle collezioni private, il volume si arricchisce di straordinarie foto d’epoca che ritraggono, oltre alle vetture, anche gli indimenticabili protagonisti della storia delle quattro ruote come Tazio Nuvolari e Enzo Ferrari. E ancora, i mezzi militari, i kart, gli autodromi, le auto da rally, i circuiti storici; il racconto si arricchisce anche delle descrizioni dei percorsi di gara, dei tempi realizzati da chi correva, dei nomi di vincitori e secondi classificati, piloti che poi diventeranno leggende, i primi piloti donna e molto altro ancora.

Nomi di automobili che non ci appartengono più, percorsi di gare storiche, piloti e motociclisti che abbiamo solo sentito nominare dai giornali o dalla tv prendono corpo e forma nelle pagine lasciando il lettore in un alone di polvere che si alza allo “Start”, di curve a gomito, di odore di benzina e olio di motori, senza tralasciare i momenti più bui o sgradevoli come la perdita di piloti e la conseguente sospensione di alcune gare, come la storica “Castione Baratti – Neviano degli Arduini”.

Una storia che procede a quattro e due ruote, un pezzo di storia dell’automobile e del mondo motociclistico importante non solo per la nostra città ma per tutti gli appassionati di motori, podi e velocità.

Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 30 novembre 2011
modificato:giovedì 13 settembre 2012