Carrello

non ci sono prodotti nel tuo carrello

libri

MONASTERI

Alle radici della città e del territorio di Parma nel Medioevo

  • 978-88-7847-172-6
  • Calidoni Mario
  • 2008
  • 222
  • Artes
  • Disponibile
  • € 50,00
  • Compra

A cura di Marco Fallini, Mario Calidoni, Maria Cristina Basteri, Fabrizia Dalcò, Caterina Rapetti, Giusi Zanichelli

Monachesimo e monastero sono parole che si radicano nel profondo della cristianità medievale ed hanno ancora oggi una risonanza nell’immaginario e nella vita dell’uomo europeo identificandosi in luoghi per eccellenza espressione di un grande fenomeno antropologico e religioso. Questi luoghi, i monasteri, paiono voler ritessere le relazioni con il passato e quasi provocano l’uomo contemporaneo.

Viene alla mente l’idea di tempo del Sant’Agostino delle Confessioni: il loro passato è parte della nostra più o meno consapevole memoria antropologica di uomini europei, il loro presente è la domanda di senso che ci pongono, il loro futuro è l’attesa di quel che potranno essere o non essere.

Generano emozioni, non nel senso evocativo e sentimentale del buon tempo perduto, bensì quelle che stanno dentro al linguaggio dello spazio dove si compiono azioni radicali – pregare, scrivere, lavorare, leggere – anziché semplicemente usare prodotti.

Quali erano le parti, gli spazi che rendevano possibile questo luogo sorprendente? Percorrendo un monastero, anche se di fronte a frammenti, intuiamo il legame dello spazio con la missione del monachesimo perché è possibile “educare attraverso lo spazio”. La chiesa, il chiostro, la cella, gli spazi per il lavoro e la vita quotidiana, per l’accoglienza dei pellegrini e dei poveri, per la cultura e lo studio sono infatti spazi che nascono dalla concezione della vita monastica prima ancora che da un progetto.

Per questo, nella loro essenziale struttura, durano nel tempo che si tratti di abbazia, di convento o di comunità monastica contemporanea.

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 4 giugno 2009
modificato:mercoledì 18 febbraio 2015